English
La provincia di Agrigento

Calamonaci

 

Vista panoramica di Calamonaci
Foto © Roberto Meli

Calamonaci (C.A.P. 92010) dista 48 Km. da Agrigento, alla cui provincia appartiene, 118 Km. da Caltanissetta, 240 Km. da Catania, 159 Km. da Enna, 323 Km. da Messina, 113 Km. da Palermo, 184 Km. da Ragusa, 265 Km. da Siracusa, 129 Km. da Trapani.

Foto © Affinità Elettive 

La Chiesa Madre

Il comune conta 1.561 abitanti e ha una superficie di 3.257 ettari per una densità abitativa di 48 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona collinare interna, posta a 307 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in via Roma, tel. 0925 68377 fax. 0925 68904. L'indirizzo di posta elettronica è il seguente: info@comune.calamonaci.ag.it.

Tipiche nel settore agricolo sono le coltivazioni di mandorle, olive, uva, miele, agrumi e una particolare varietà di olio extravergine di oliva detta "biancolilla". Fiorente è l'allevamento di ovini e l'apicoltura. Caratteristici sono pure gli oggetti prodotti dall'artigianato locale come le scope, i panieri e le cosiddette "coffe" (grosse ceste di vimini intrecciati a mano).

Il nome Calamonaci deriva dall'arabo Kal-at-Munach che significa "casale di sosta" poichè anticamente esso era una stazione di fermata dove si cambiavano i cavalli delle diligenze.

Il primo centro fu fondato intorno al XIII secolo dagli Arabi che costruirono su quel territorio un casale.

Foto ©Comune di Calamonaci  

La Piazza

Nel 1278 venne ceduto dal sovrano Giacomo di Aragona al signore Berengario de Villaragut. Successivamente appartenne ai baroni Inveges prima e poi ai nobili Perollo di Sciacca, rimanendo sempre non abitato.

L'attuale conformazione urbana preso corpo nel 1574 ad opera del nobile Antonio De Termini che ottenne la opportuna "licenti populandi".

In seguito il feudo fu di proprietà del signore Vespasiano De Spuches, quindi fu sede dei baroni Montaperto di Raffadali. Nel 1812 con l'abolizione della feudalità il comune divenne autonomo.

Di notevole interesse architettonico risulta la Chiesa Madre dedicata a San Vincenzo Ferreri che venne edificata a partire dal 1580 e il piccolo Convento dei Carmelitani eretto nel 1600, oggi visibile solo in parte.

L'Azienda

Fondata nell'anno 2000 da un gruppo di professionisti con esperienza decennale nell'Information Technology la Reti e Sistemi S.r.l. è in grado di soddisfare le più varie esigenze informatiche dei suoi stimati Clienti.

Informazioni

  • Telefono: +39 0923 / 547983 - +39 0923 / 548695
  • Fax: +39 0923 / 038230
  • Email: info@sicilia.indettaglio.it
  • Indirizzo: Corso Piersanti Mattarella n. 12 91100 Trapani (Tp) Italia