Hotel Cetarium   Helios Hotel - San Vito Lo Capo   Tre Erre
La provincia di Agrigento

Casteltermini

Panoramica di Casteltermini
Foto © Nicola Palmeri
 

Casteltermini (C.A.P. 92025) dista 44 Km. da Agrigento, alla cui provincia appartiene, 68 Km. da Caltanissetta, 206 Km. da Catania, 109 Km. da Enna, 295 Km. da Messina, 104 Km. da Palermo, 180 Km. da Ragusa, 259 Km. da Siracusa, 203 Km. da Trapani.

Foto © Affinità Elettive La Chiesa di San Giuseppe

Il comune conta 9.741 abitanti e ha una superficie di 9.951 ettari per una densità abitativa di 98 abitanti per chilometro quadrato.

Sorge in una zona collinare interna, posta a 555 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in piazza Duomo, tel. 0922-912446 fax. 0922-929001, numero verde 800252711.

Tipico centro agricolo, Casteltermini vanta la coltivazione di cereali, olio e uva prodotti che si possono degustare ogni anno nelle Fiere di maggio, agosto e settembre.

La lavorazione artigianale si distingue per la realizzazione di oggetti in legno.

Il nome Casteltermini deriva dal latino medioevale Castellum Thermae che significa Castello delle terme. Il borgo nacque nel 1629 con "licentia populandi" ad opera del nobile Vincenzo Maria Termini.

Il paese divenne residenza della famiglia Termini che vi si stabilirono con il titolo di Principi di Casteltermini.

Foto © Affinità Elettive La Chiesa Madre e il Monumento ai Caduti

Successivamente subentrarono i principi di Castelvetrano prima e infine il duca di Monteleone sino all'abolizione della feudalità.

Nel settore monumentale risaltano la Chiesa di S. Giuseppe di gusto barocco, la Chiesa Madre del XVIII secolo che conserva opere di Giuseppe Velasquez (1750-1827) e di Salvatore Bagnasco (attivo nei secoli XVIII e XIX).

Interessante è pure l'Eremo di Santa Croce che racchiude una delle croci lignee più antiche del mondo.

Un insigne educatore fu il castelterminese Giovanni Agostino De Cosmi (1726-1841) che nel 1788 istituì le prime scuole elementari pubbliche e gratuite di tutta la Sicilia.