Zimbone Antonio - Fotografo   Helios Hotel - San Vito Lo Capo   Hotel Cetarium
La provincia di Agrigento

Grotte

La città di Grotte
Foto © Roberto Meli
 

Grotte (C.A.P. 92020) dista 20 Km. da Agrigento, alla cui provincia appartiene, 49 Km. da Caltanissetta, 187 Km. da Catania, 90 Km. da Enna, 283 Km. da Messina, 139 Km. da Palermo, 151 Km. da Ragusa, 232 Km. da Siracusa, 193 Km. da Trapani.

Foto © Affinità Elettive La Chiesa Madre

Il comune conta 7.206 abitanti e ha una superficie di 2.386 ettari per una densità abitativa di 302 abitanti per chilometro quadrato.

Sorge in una zona collinare interna, posta a 546 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Piazza Umberto I, tel. 0922 943086 fax 0922 945864.

Grazioso paese agricolo, Grotte si distingue per la produzione di olive, mandorle, uva e cereali. Spiccato è l'allevamento di ovini che vengono esposti nell'annuale Fiera del Bestiame che si tiene nel mese di settembre.

Foto © Affinità Elettive La Chiesa del Purgatorio

Il nome Grotte deriva dal greco bizantino Krupte che significa appunto "grotta" e indica la forte presenza di caverne su tutto il territorio.

Intorno al XIV secolo il feudo venne fondato dalla famiglia Ventimiglia. Fra il XV e il XVI secolo appartenne a diverse famiglie feudali fra le quali i Montaperto e i Girgenti.

Nel 1648 il signore Desiderio di S. Filippo divenne duca del paese e rimase tale sino all'avvento dei principi di Carini, i La Grua Talamanca. Nel 1812 il comune acquisì l'autonomia.

Fra i monumenti è bene ricordare la Chiesa Madre che risale al 1700, la Chiesa del Carmine ricostruita nel 1968 e la Chiesa del Purgatorio del XIX secolo.

Foto © Luigi Nifosì Monolito: complesso rupestre

Gli edifici urbani di maggior rilievo sono il Palazzo La Grua del 1748 e il Palazzo del Municipio, collocato nell'ex convento dei Padri Carmelitani.

È importante citare il nome di Luigi Carmona (1885-1984) illustre medico chirurgo che avviò diversi studi sulla trasfusione del sangue e sulla rigenerazione dei nervi recisi. Egli fu il fondatore della Scuola Siciliana di Chirurgia.