Hotel Cetarium   Residence Isola del Miele   Luigi Nifosė - Fotografo in Sicilia
La provincia di Agrigento

Sambuca di Sicilia

La città di Sambuca di Sicilia
Foto © 2000 Affinità Elettive
 

Sambuca di Sicilia (C.A.P. 92017) dista 104 Km. da Agrigento, alla cui provincia appartiene, 192 Km. da Caltanissetta, 296 Km. da Catania, 215 Km. da Enna, 370 Km. da Messina, 91 Km. da Palermo, 240 Km. da Ragusa, 321 Km. da Siracusa, 79 Km. da Trapani.

Foto © 2000 Affinità Elettive Palazzo Ciaccio

Il comune conta 6.594 abitanti e ha una superficie di 9.588 ettari per una densità abitativa di 69 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona collinare, posta a 350 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Palazzo dell'Arpa, corso Umberto I n. 1, tel. 0925-940111 fax. 0925-941007. L'indirizzo di posta elettronica è il seguente: uff.personale@futuralink.it.

Disteso su una collina che si affaccia su un belvedere, Sambuca di Sicilia vanta una ricca produzione di uva, cereali, olive e mandorle. Fiorente è l'allevamento di bovini e ovini. Caratteristici sono gli oggetti dell'artigianato locale lavorati in ferro, legno e creta. Graziosi sono i ricami fatti a mano.

In origine il paese venne chiamato Sambuca sino al 1863 quando fu aggiunto l'appositivo "Zabuth" per ricordare l'omonimo emiro arabo che aveva fatto erigere in quel luogo un castello. Nel 1185 detto castello venne ceduto al convento di Monreale con il nome di Rahal Zabuth che significa appunto "casale di Zabuth".

Foto © 2000 Affinità Elettive Chiesa del Carmine

Nel tempo il borgo appartenne prima alla famiglia Barberini, poi nel 1570 fu possesso della famiglia Beccadelli principi di Camporeale e nel 1666 divenne un principato autonomo. Soltanto nel 1923 fu dato alla città l'attuale nome di Sambuca di Sicilia.

Nel settore monumentale citiamo la Chiesa della Concezione di stile trecentesco e la Chiesa del Carmine eretta nel 1530 e adibita a Santuario di Maria SS. dell'Udienza. Spiccano fra le architetture urbane il Palazzo Panitteri oggi sede di un museo delle cere e il Palazzo Beccadelli di gusto gotico-catalano.