Informatica Commerciale S.p.A.   Marmifera Mineraria S.r.l.   Residence Guidaloca
La provincia di Agrigento

San Biagio Platani

San Biagio Platani
Foto © Roberto Meli
 

San Biagio Platani (C.A.P. 92020) dista 45 Km. da Agrigento, alla cui provincia appartiene, 88 Km. da Caltanissetta, 214 Km. da Catania, 129 Km. da Enna, 275 Km. da Messina, 124 Km. da Palermo, 181 Km. da Ragusa, 262 Km. da Siracusa, 218 Km. da Trapani.

Foto © Roberto Meli Vista di una chiesa di San Biagio Platani

Il comune conta 4.172 abitanti e ha una superficie di 4.241 ettari per una densità abitativa di 98 abitanti per chilometro quadrato.

Sorge in una zona collinare interna, posta a 416 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in corso Umberto n. 105, tel. 0922-910100 fax. 0922-910100.

Sito su un altopiano fra le due vallate dei fiumi Platani e Turvoli, San Biagio Platani si distingue per la cospicua produzione di cereali, olive, mandorle e pistacchi.

Ricco è l'allevamento di ovini grazie alle numerose zone adibite a pascoli. Nel settore dell'artigianato spiccano gli oggetti lavorati in legno e pietra.

In origine il paese venne chiamato soltanto San Biagio in onore dell'omonimo santo patrono della città.

Nel 1863 fu aggiunto l'appositivo "Platani" per ricordare il fiume che scorre nelle vicinanze.

Foto © Affinità Elettive Gli archi di Pasqua a San Biagio Platani

Il primo borgo venne fondato con opportuna "licentia populandi" nel 1635 dal signore Giovanni Battista Berardi.

Successivamente ne fu proprietario il nobile Diego Joppolo che nel 1659 ottenne il titolo di primo duca del paese. Nel 1812 il comune divenne autonomo.

Rilevanti sono fra i monumenti la Chiesa Madre dedicata a San Biagio e la Chiesa del Carmine, entrambi del XVIII secolo.

Caratteristica è la festa che si tiene nella Settimana Santa durante la quale i sanbiagesi addobbano le vie principali della cittadina con rosmarino, palme, fiori, arance, datteri e pani ricoperti di zucchero.