English
La provincia di Catania

Belpasso

 

Panoramica di Belpasso
Foto © A.p.t. Catania

Belpasso (C.A.P. 95032) dista 201 Km. da Agrigento, 116 Km. da Caltanissetta, 21 Km. da Catania, alla cui provincia appartiene, 81 Km. da Enna, 117 Km. da Messina, 251 Km. da Palermo, 90 Km. da Ragusa, 79 Km. da Siracusa, 350 Km. da Trapani.

Foto © Zimbone Antonio 

Chiesa di Maria SS. della Guardia

Il comune conta 20.867 abitanti e ha una superficie di 16.449 ettari per una densità abitativa di 126 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona collinare litoranea, posta a 553 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in piazza Municipio n. 9, tel. 095-7912100 fax. 095-7912840, numero verde 800012300.

Grazioso centro agricolo, Belpasso vanta una cospicua produzione di fichidindia, uva, agrumi e olive che vengono esposti nelle annuali Fiere che si tengono nei mesi di aprile e agosto. Spiccato è l'allevamento di bovini, ovini e equini anche grazie alle numerose aree adibite a pascolo. Tipici dell'artigianato locale sono gli oggetti lavorati in legno.

Il nome originale del paese fu Malpasso derivato dal latino Mali passus che significa "Passo del melo". Esso venne cosi chiamato sino al 1669 anno in cui venne distrutto da una terribile eruzione del vulcano Etna. Successivamente il borgo venne riedificato col nome di Fenicia Moncada, "Fenicia" poiché il simbolo civico di Catania è la Fenice e "Moncada" in omaggio al barone Raimondo Moncada.

Foto © Affinità Elettive 

La Chiesa Madre

Nel 1693 il centro fu nuovamente raso al suolo e nel 1695 venne ricostruito su un progetto dell'architetto Giovanni Bellia (XVII secolo) con l'attuale nome augurale di Belpasso. Esso appartenne alla famiglia Moncada sino all'abolizione dei diritti feudali.

Belle da visitare sono la Chiesa Madre del 1700 e l'ex Chiesa Collegiata del Convento che conserva splendidi affreschi del 1700. Rilevanti sono pure il Palazzotto Bufali e il Palazzo Scrofani entrambi del XIX secolo.

Belpasso fu patria del famoso giornalista e drammaturgo Nino Martoglio (1870-1921) creatore del teatro dialettale siciliano e autore del celebre libro Centona, una splendida raccolta di poesia in dialetto siciliano.

L'Azienda

Fondata nell'anno 2000 da un gruppo di professionisti con esperienza decennale nell'Information Technology la Reti e Sistemi S.r.l. è in grado di soddisfare le più varie esigenze informatiche dei suoi stimati Clienti.

Informazioni

  • Telefono: +39 0923 / 547983 - +39 0923 / 548695
  • Fax: +39 0923 / 038230
  • Email: info@sicilia.indettaglio.it
  • Indirizzo: Corso Piersanti Mattarella n. 12 91100 Trapani (Tp) Italia