Residence Isola del Miele   Informatica Commerciale S.p.A.   VALFRIGO S.N.C.
La provincia di Catania

Militello in Val di Catania

Militello in Val di Catania
Foto © Luigi Nifosì
 

Militello in Val di Catania (C.A.P. 95043) dista 157 Km. da Agrigento, 128 Km. da Caltanissetta, 48 Km. da Catania, alla cui provincia appartiene, 105 Km. da Enna, 144 Km. da Messina, 266 Km. da Palermo, 64 Km. da Ragusa, 72 Km. da Siracusa, 330 Km. da Trapani.

Foto © A.p.t. Catania Castello Branciforti

Il comune conta 9.469 abitanti e ha una superficie di 6.124 ettari per una densità abitativa di 155 abitanti per chilometro quadrato.

Sorge in una zona collinare interna, posta a 413 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in piazza Municipio n. 14, tel. 095-7941111 fax. 095-656056.

Sito fra le colline dei monti Iblei, Militello in Val di Catania si distingue per la cospicua produzione di agrumi, olive, fichi, uva, frutta e ottimi fichidindia che si possono gustare nell'annuale Sagra della mostarda e del ficodindia che si svolge nel mese di ottobre.

Il nome Militello deriva dal latino antico Militum Tellus che significa "Terra dei soldati" poichè la cittadina venne fondata nel 214 a.C. dai Romani come roccaforte militare per preparare l'assedio di Siracusa. Fu dimora di Bizantini e poi di Arabi. Nel 1300 circa fu acquisita dalla famiglia Barresi e dal XVI secolo appartenne ai nobili Branciforte sino all'abolizione della feudalità. Nel 1693 venne devastata dal terremoto, conoscendo quindi una lenta ricostruzione.

Foto © Luigi Nifosì Chiesa di S. Maria della Stella

Di notevole interesse architettonico sono la Chiesa di S. Benedetto Abate del 1616 con il limitrofo Monastero (oggi sito del Palazzo del Municipio) che presenta una splendida facciata in stile barocco, la Chiesa Madre dedicata ai Santi Nicolò e Salvatore ricostruita dopo il terremoto del 1693 e lateralmente a essa il Museo di S. Nicolò che conserva numerose opere artistiche e arredi sacri del XVI secolo.

Caratteristiche sono pure la Chiesa di S. Maria della Stella del XVIII secolo che ha all'interno diverse sale adibite al tesoro della Chiesa e la Chiesa di S. Maria La Vetere con un bel portale ottocentesco.

Fra i nomi illustri militellesi citiamo quello del celebre storico Vincenzo Natale (1781-1855) studioso della storia della Sicilia greca, quello del pedagogista Giuseppe Musumeci Ristagno (1868-1954) e quello del politico e giurista Salvatore Majorana (1825-1897) insigne docente universitario e ministro, nonno dello scienziato e fisico atomico Ettore Majorana (1906-1938).