Il Sole Editrice   Informatica Commerciale S.p.A.   Luigi Nifosė - Fotografo in Sicilia
La provincia di Catania

San Michele di Ganzaria

San Michele di Ganzaria
Foto © A.p.t. Catania
 

San Michele di Ganzaria (C.A.P. 95040) dista 107 Km. da Agrigento, 71 Km. da Caltanissetta, 94 Km. da Catania, alla cui provincia appartiene, 50 Km. da Enna, 190 Km. da Messina, 213 Km. da Palermo, 89 Km. da Ragusa, 122 Km. da Siracusa, 280 Km. da Trapani.

Foto © A.p.t. Catania La Chiesa San Giuseppe

Il comune conta 4.901 abitanti e ha una superficie di 2.559 ettari per una densità abitativa di 192 abitanti per chilometro quadrato. sorge in una zona collinare interna, posta a 490 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in Ctr. Silvia, tel. 0933-976637 fax. 0933-976922.

Il paese vanta una ricca produzione di cereali, uva, olive, frutta e agrumi, oltre ad un consistente allevamento di ovini, caprini e bovini.

Il nome del paese deriva dal suo Santo Patrono con l'aggiunta dell'appositivo arabo Kanzir che tradotto significa allevamento di maiali.

Presumibilmente di età araba, il borgo ebbe il suo massimo sviluppo nell'età angioina.

Fu possesso della famiglia dei Gravina a partire dal 1447 e nel 1534 Antonio, un componente della famiglia, lo cedette ad una colonia di esuli greco-albanesi capeggiata da Nicola Bisurca e Antonio Figlia.

Nel settore monumentale, notevole è la Chiesa Madre costruita nel sec. XII° e dedicata a San Michele. Citata dagli storici come Tempio dei Francesi, conserva all'interno una statua marmorea del Santo, di scuola gaginesca.

Foto © A.p.t. Catania Particolare del municipio

Importante è sicuramente il Castello feudale dei Principi Gravina, anticamente si suppone fosse una struttura a due piani con un sotterraneo che collegava il castello alla montagna.

Ricordiamo inoltre la Chiesa di San Giuseppe, la Chiesa del Calvario e la Chiesa del Rosario, costruita intorno alla prima metà del 1600, al cui interno si possono ammirare stucchi e sacre raffigurazioni.

Nel mese di novembre a San Michele di Ganzaria si tiene la sagra dell'olio e del vino, seguita a dicembre da quella della "cuccia".