Residence Isola del Miele   Residence Nettuno   VALFRIGO S.N.C.
La provincia di Messina

Capo d'Orlando

Veduta aerea di Capo D`Orlando
Foto © Luigi Nifosì
 

Capo d'Orlando (C.A.P. 98071) dista 230 Km. da Agrigento, 184 Km. da Caltanissetta, 127 Km. da Catania, 143 Km. da Enna, 103 Km. da Messina, alla cui provincia appartiene, 156 Km. da Palermo, 231 Km. da Ragusa, 185 Km. da Siracusa, 255 Km. da Trapani.

Foto © A.A.P.I.T. Messina Particolare della spiaggia di Capo d'Orlando

L'indirizzo di posta elettronico è il seguente: capodorlandonline@capodorlandonline.it.

Il comune conta 12.487 abitanti e ha una superficie di 1.456 ettari per una densità abitativa di 858 abitanti per chilometro quadrato.

Sorge in una zona litoranea collinare, posta a 9 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in via Vittorio Emanuele, tel. 0941-901762 fax. 0941-912459.

Le attività economiche principali sono l'agricoltura, l'artigianato e la pesca. Le colture prevalenti sono gli agrumi, gli ortaggi, le olive e l'uva. I prodotti artigianali tipici sono i manufatti in legno, ferro, marmo e le ceramiche.

Il nome del paese ha origine dal noto paladino del ciclo carolingio Orlando. Le prime testimonianze della presenza di un nucleo cittadino risalgono al sec. XII a.C., secondo le citazioni di Diodoro, Strabone e Plinio il Vecchio, che attestano l'esistenza dell'antica città di Agatiurnon, successivamente distrutta. Nel 300 a.C. fu fondata dai nassensi un'altra città di nome Naxida, anch'essa distrutta.

Foto © 2003 A.A.P.I.T. Messina Il Santuario di Maria SS. di Capo d'Orlando

Il nome di Agatiurnon designò invece il vicino promontorio fino al secolo IX, quando Carlo Magno lo mutò in quello che ha attualmente.

Fu governato da diversi signori: Guglielmo di Palermo nel sec. XIV, Guglielmo di Leo nel sec. XV, Guglielmo Crescimanno di Piazza Armerina nel sec. XVIII. Fu frazione di Naso fino al 1925, anno in cui divenne comune autonomo.

Tra i monumenti più importanti ricordiamo il Santuario di Maria SS. di Capo d'Orlando costruito nel 1598, i ruderi del Castello trecentesco e la Torre del Trappeto risalente al sec. XV.

Tra i personaggi più illustri originari di Capo d'Orlando annoveriamo: il grecista Valerio Milio, professore all'Università di Messina e il poeta Lucio Piccolo, celebre per i suoi "Canti barocchi".