Informatica Commerciale S.p.A.   Tre Erre Ceramiche   Hotel delle Cave
La provincia di Messina

Piraino

Veduta di Piraino
Foto © Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Patti
 

Piraino (C.A.P. 98060) dista 244 Km. da Agrigento, 198 Km. da Caltanissetta, 137 Km. da Catania, 157 Km. da Enna, 97 Km. da Messina, alla cui provincia appartiene, 172 Km. da Palermo, 241 Km. da Ragusa, 195 Km. da Siracusa, 269 Km. da Trapani.

Foto © A.A.P.I.T. Messina Veduta della Torre delle Ciaule

Il comune conta 3.759 abitanti e ha una superficie di 1.720 ettari per una densità abitativa di 219 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona collinare, posta a 406 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in via Roma, tel. 0941-585121 fax. 0941-585121.

È un centro prevalentemente agricolo-artigianale. I prodotti agricoli principali sono le nocciole, le mandorle, le olive, gli ortaggi, l'uva e gli agrumi.

Caratteristici sono inoltre le ceramiche e i manufatti in legno, ferro battuto e rame.

Foto © A.A.P.I.T. Messina Particolare della Torre delle Ciaule

Il nome del paese deriva dal siciliano Pirainu, che significa "pero selvatico".

Non ci pervengono molte notizie sulle origini della cittadina, tuttavia sappiamo che probabilmente fu fondata dagli Arabi nel sec. IX e appartenne ad alcune famiglie feudali: ai Lancia dal sec. XIII al sec. XV, a Vincenzo Denti e all'Averna, il quale fu duca di Piraino dal 1656.

Tra i monumenti, di notevole interesse architettonico sono la cosiddetta "Torrazza", una torre d'avvistamento merlata del sec. XIV, la chiesa Madre edificata nel sec. XVI e la chiesa di S. Caterina modificata nel 1694.

È interessante sapere che Piraino è un cognome molto diffuso in Sicilia.

Il più famoso dei Piraino è il catanese Antonio Piraino, che nel 1801 organizzò una congiura antiborbonica e fu per questo arrestato e impiccato.