Informatica Commerciale S.p.A.   Residence Guidaloca   Residence Guidaloca
La provincia di Palermo

Polizzi Generosa

Veduta della città
Foto © Comune di Polizzi Generosa

Foto © Edizioni Leopardi Stemma della città

Polizzi Generosa (C.A.P. 90020) dista 119 Km. da Agrigento, 84 Km. da Caltanissetta, 159 Km. da Catania, 62 Km. da Enna, 231 Km. da Messina, 101 Km. da Palermo, alla cui provincia appartiene, 207 Km. da Ragusa, 217 Km. da Siracusa, 200 Km. da Trapani.

Il comune conta 4.530 abitanti e ha una superficie di 13.433 ettari per una densità abitativa di 34 abitanti per chilometro quadrato.

Sorge in una zona di montagna interna, posta a 916 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in via Garibaldi n. 13, tel. 0921-649018 fax. 0921-688205.

L'indirizzo di posta elettronica il seguente: info@comune.polizzi.pa.it.

Nel settore agricolo è rilevante la produzione di cereali, nocciole, olive e caseari. Il principale bestiame d'allevamento è costituito da bovini, ovini e caprini.

Foto © Edizioni Leopardi
La Chiesa di Sant'Eligio

Nella lavorazione artigianale spicca quella del ferro, del legno, della lana e delle ceramiche.

Il nome Polizzi ha origine greca e proviene da Polis che significa città.

Nel latino medioevale fu trasformata in Politium. Forse già esisteva nel secolo XI, quando il conte Ruggero D'Altavilla vi costruì un castello fortificato.

Il piccolo borgo ottenne il suo appositivo di "Generosa" solo nel XIII secolo per concessione del sovrano Federico II di Svevia.

Nel passare sotto il controllo di diverse famiglie feudali, Polizzi conobbe un lungo periodo di sviluppo economico e culturale.

Foto © Comune di Polizzi Generosa
Palazzo Gagliardo

Belle da visitare sono: la Chiesa di S. Girolamo, con la sua caratteristica pianta ottagonale e la Chiesa di S. Francesco, del XIV secolo, che racchiude due cappelle del Gagini.

Di singolare fattura è il Palazzo Gagliardo di gusto tardo-manieristico.

Di Polizzi Generosa è Giuseppe Antonio Borgese (1882-1952) illustre letterato e creatore del termine Crepuscolarismo, da cui si dipartì l'omonima corrente letteraria.