Luigi Nifosė - Fotografo in Sicilia   Residence Guidaloca   Luigi Nifosė - Fotografo in Sicilia
La provincia di Trapani

Mazara del Vallo

La città di Mazara del Vallo
Foto © 2000 Idea Fotovideo
 

Mazara del Vallo (C.A.P. 91026) dista 132 Km. da Agrigento, 204 Km. da Caltanissetta, 331 Km. da Catania, 239 Km. da Enna, 379 Km. da Messina, 119 Km. da Palermo, 268 Km. da Ragusa, 349 Km. da Siracusa, 54 Km. da Trapani alla cui provincia appartiene.

Foto © 2000 Idea Fotovideo La Cattedrale

Il comune conta 52.035 abitanti e ha una superficie di 27.559 ettari per una densità abitativa di 189 abitanti per chilometro quadrato. Sorge in una zona litoranea pianeggiante, posta a 8 metri sopra il livello del mare.

Il municipio è sito in piazza della Repubblica, tel. 0923-671111 fax. 0923-931174. L'indirizzo di posta elettronica è il seguente: suap@comune.mazara-del-vallo.tp.it.

È uno dei principali centri siciliani per la pesca d'altura e contribuisce per il 20% al prodotto nazionale del settore. Tra i prodotti agricoli ricordiamo: ortaggi, agrumi, olive, uva da mosto e da tavola.

Antico porto fenicio, posto alla foce del fiume Mazaro, è un importante porto fin dall'antichità. Diviene fra il VI e V secolo a.C. emporio, viene presa dai cartaginesi e poi dai Romani. Occupata dagli Arabi ha un intenso sviluppo e viene eletta Capoluogo del Vallo di Mazara. Sotto il conte Ruggero D'Altavilla viene elevata a vescovado e accoglie nel 1097 il primo Parlamento normanno di Sicilia.

Foto © 2000 Idea Fotovideo L'Arco Normanno

Tra il '600 e il '700 ci fu l'edificazione e la riedificazione dei grandi impianti religiosi e la ristrutturazione barocca delle principali piazze, con cui si definì il volto urbanistico della città.

Nel settore monumentale di notevole importanza sono: la Cattedrale barocca, ricostruita sul vecchio tempio normanno, che contiene numerose e pregevoli opere d'arte; la Chiesa di S.Michele, annessa al Convento benedettino, ricostruita su un antico cenobio basiliano, risulta essere una delle più belle; il Tempietto di S.Maria delle Giummare, normanno, antico cenobio basiliano, che sorge su una collina a circa 1 Km. dalla città.

Sulla costa, e specialmente nel porto canale, si osserva talvolta il fenomeno del marrobbio (sessa), consistente in un rapido ed improvviso cambiamento del livello delle acque, con escursioni anche dell'ordine del metro che avvengono in pochi minuti.